Muoversi in bus

Sanzioni amministrative del TPL

Sanzioni amministrative a carico di utenti trasgressori

Home >
Muoversi in bus
> Sanzioni amministrative del TPL

La Città Metropolitana di Venezia è l’Ente delegato dalla Regione alla determinazione ed alla riscossione delle sanzioni amministrative a carico dei viaggiatori utenti dei mezzi in servizio di trasporto pubblico di linea sui seguenti servizi:

  • ACTV – linee extraurbane
  • ATVO – linee extraurbane e urbane di Jesolo, Caorle, San Donà di Piave e Cavallino-Treporti
  • Arriva Veneto – linee extraurbane

Per le altre linee urbane comunali sono delegati i Comuni.

Se hai ricevuto una sanzione su una delle linee sopra elencate, puoi:

  • pagare la sanzione immediatamente;
  • pagare la sanzione entro 60 giorni;
  • presentare uno scritto difensivo entro 30 giorni dalla contestazione della violazione a bordo dei mezzi di trasporto (vedi sezione “SCRITTI DIFENSIVI”);

Superati i 60 giorni, le aziende di trasporto trasmettono alla Città Metropolitana di Venezia i verbali relativi alle violazioni accertate che non sono state pagati entro i termini previsti.

Entro 5 anni dalla data di notifica del verbale, la Città Metropolitana di Venezia emette ordinanza-ingiunzione di pagamento, inviata all’utente tramite Atto Giudiziario.

In caso di mancato pagamento dell’ordinanza-ingiunzione nel termine di 30 giorni dalla notificazione, si provvederà all’esazione forzata tramite l’Esattore con iscrizione a ruolo, il che comporta l’applicazione di ulteriori spese e relativi interessi di mora per ogni semestre.

Responsabile del procedimento: ing. Nicola Torricella
Responsabile dell’istruttoria: dott. Francesco Amadei tel. 041-250.1127; francesco.amadei@cittametropolitana.ve.it
mail: trasporti@cittametropolitana.ve.it
pec: trasporti.cittametropolitana.ve@pecveneto.it

Le trasgressioni in questione sono:

  • violazione degli obblighi di munirsi di un valido titolo di viaggio a bordo dei mezzi, a conservarlo per la durata del percorso e ad esibirlo su richiesta degli agenti accertatori (L.R. n. 25/98, art. 37);
  • violazione delle norme relative a comportamenti da tenere a bordo dei mezzi o nei locali aziendali, che possono porre in pericolo la sicurezza e la regolarità del servizio (D.P.R. n. 753/80).

Tutte le normative prevedono un importo minimo e uno massimo per la sanzione da pagare: al trasgressore è solitamente consentito di pagare immediatamente o entro 60 giorni un importo inferiore a quello massimo, comunque non superiore a due terzi del massimo, mentre in fase successiva di applicazione della sanzione si può giungere sino all’importo massimo.

In questa tabella sono riportate le violazioni e le relative tariffe.

Puoi presentare uno scritto difensivo entro 30 giorni dalla contestazione della violazione a bordo dei mezzi di trasporto o di notificazione della stessa.

La Città Metropolitana di Venezia esamina tale scritto difensivo e determina se accettarlo o respingerlo.

In caso di accettazione, il verbale viene annullato la pratica viene archiviata.

In caso di respingimento, la Città metropolitana di Venezia applica, con un’apposita ordinanza-ingiunzione, l’importo previsto dalla legge, adottando i seguenti criteri:

  • al trasgressore che risulta non aver commesso altre violazioni su mezzi di trasporto nel quinquennio precedente viene applicato un importo pari a due terzi del massimo;
  • al trasgressore che risulta aver commesso altre violazioni su mezzi di trasporto nel quinquennio precedente viene applicato l’importo pari al massimo.

A questi importi vanno sommate le spese amministrative di procedimento (spese postali, di notifica, etc.) sostenute sia dall’Azienda di trasporto, per l‘eventuale notificazione del verbale di violazione, sia dalla Città Metropolitana di Venezia, per la notificazione della ordinanza-ingiunzione di pagamento (importo generalmente pari a € 12,00).

Per presentare uno scritto difensivo, puoi compilare il modulo on-line oppure il modulo cartaceo che trovi in fondo alla pagina e consegnarlo all’Area Trasporti e Logistica tramite:

Se hai ricevuto un’ordinanza-ingiunzione, puoi pagarla entro 30 giorni dalla data di notifica, tramite una delle seguenti modalità:

  • bollettino di conto corrente postale n° 17470303 intestato alla Città metropolitana di Venezia – Settore Trasporti – Servizio Tesoreria – San Marco 2662 30124 VENEZIA con la causale: “(nome/cognome) numero di registro dell’O.I. riportato in alto a sinistra”;
  • bonifico bancario su conto bancario intestato a: Città metropolitana di Venezia – Servizio di Tesoreria IBAN IT69T0200802017000101755752 Unicredit Banca s.p.a. – Agenzia Mercerie dell’Orologio – San Marco 191 30124 VENEZIA con la causale: “(nome/cognome) numero di registro dell’O.I. riportato in alto a sinistra”;
  • bonifico postale sul conto corrente postale intestato a: Città metropolitana di Venezia – Settore Trasporti – Servizio di Tesoreria – IBAN IT16K0760102000000017470303;
  • on line con carte di credito o altri sistemi di pagamento elettronico utilizzando il seguente link https://cittametropolitana.ve.it/pagamenti-on-line.html con la causale: “(nome/cognome) numero di registro dell’O.I. riportato in alto a sinistra”;

In caso di comprovate difficoltà economiche, puoi fare istanza di rateizzazione per il pagamento delle ordinanze-ingiunzione.

Ai sensi del Regolamento della Città metropolitana di Venezia in materia di procedimento amministrativo sanzionatorio e del Regolamento generale delle Entrate dell’Ente, è possibile suddividere l’importo complessivo esclusivamente con questi criteri:

  • minimo 3 rate – massimo 12 rate mensili
  • rata minima: € 100,00

Per richiedere la rateizzazione, puoi compilare il modulo on-line oppure il modulo cartaceo che trovi in fondo alla pagina e consegnarlo all’Area Trasporti e Logistica tramite:

E’ necessario allegare all’istanza di rateizzazione la Dichiarazione assolvimento marca da bollo da €16,00, da pagare in una delle modalità esposte nella sezione “Marche da bollo e oneri istruttori”.

Se hai ricevuto un’ordinanza-ingiunzione non puoi più presentare uno scritto difensivo.

Tuttavia è ammesso ricorso, entro 30 giorni dalla notifica del provvedimento, al Giudice di Pace del luogo in cui è stata commessa la violazione, ai sensi degli artt. 22 e 22-bis della legge 689/81.

Per presentare uno scritto difensivo non è necessario pagare la marca da bollo.

Per presentare l’istanza di rateizzazione è necessario pagare n. 1 marca da bollo da € 16,00 e allegare la Dichiarazione assolvimento marca da bollo alla domanda.

E’ possibile comprare una marca da bollo cartacea, oppure eseguire il pagamento intestato a “Città metropolitana di Venezia – Servizio Trasporti – Servizio di Tesoreria – San Marco 2662 30124 Venezia”, che in nessun caso verrà rimborsato, in una delle seguenti modalità:

  • bonifico bancario sul conto bancario intestato a: Città metropolitana di Venezia – Servizio Trasporti – Servizio di Tesoreria – IBAN IT69T0200802017000101755752 UNICREDIT BANCA S.p.A. – Agenzia Mercerie dell’Orologio San Marco, 191 – 30124 Venezia con la causale: “(nome/cognome) marca da bollo Istanza Rateizzazione”;
  • bollettino di conto corrente postale 17470303 intestato a: Città metropolitana di Venezia – Servizio Trasporti – Servizio di Tesoreria – San Marco, 2662 – 30124 Venezia, con la causale: “(nome/cognome) marca da bollo Istanza Rateizzazione”
  • bonifico postale sul conto corrente postale intestato a: Città metropolitana di Venezia – Servizio Trasporti – Servizio di Tesoreria – IBAN IT16K0760102000000017470303 – con la causale: “(nome/cognome) marca da bollo Istanza Rateizzazione”;
  • pagamento online con carte di credito o altri sistemi di pagamento elettronico utilizzando il seguente link http://cittametropolitana.ve.it/pagamenti-on-line.html , con la causale: “(nome/cognome) marca da bollo Istanza Rateizzazione”.

Ho preso una sanzione sul vaporetto/autobus urbano AVM e voglio presentare uno scritto difensivo. Devo rivolgermi a voi?

No, la Città metropolitana di Venezia ha competenza soltanto sulle linee extraurbane (AVM, ATVO, Arriva Veneto) e sulle linee urbane dei comuni di Jesolo, Caorle, San Donà di Piave e Cavallino-Treporti (ATVO).

L’Ente competente per le linee di navigazione, le linee urbane di Mestre e del Lido è il Comune di Venezia. Puoi presentare il tuo scritto difensivo, entro 30 giorni dalla data di contestazione della violazione, al seguente indirizzo pec: comandopl@pec.comune.venezia.it

Vorrei rateizzare l’importo dell’ordinanza-ingiunzione, posso ottenere una rata inferiore a € 100,00?

No, ai sensi del Regolamento della Città metropolitana di Venezia in materia di procedimento amministrativo sanzionatorio e del Regolamento generale delle Entrate dell’Ente, non è possibile stabilire una rata inferiore ai € 100,00.

Ho ricevuto un’ordinanza-ingiunzione riferita ad una sanzione di alcuni anni fa, come mai? 

La Città metropolitana di Venezia può emettere ordinanza-ingiunzione di pagamento entro 5 anni dalla data di notifica del verbale.

DOCUMENTI DA ALLEGARE

Scritti difensivi

Elenco degli allegati che dovranno essere caricati durante la compilazione della form:

  • Copia del verbale contestato;
  • Copia di documento d’identità in corso di validità;
  • Altri documenti utili a sostegno dello scritto difensivo (facoltativi).

 


Rateizzazione

Elenco degli allegati che dovranno essere caricati durante la compilazione della form:

  • Copia di documento d’identità in corso di validità;
  • Copia di documenti utili a comprova delle disagiate condizioni economiche;
  • Dichiarazione di assolvimento di n. 1 marca da bollo (scaricabile qui).